Menu
Cerca
Barzanò

Il liceo Parini è pronto a riaccogliere i suoi studenti: si riparte il primo settembre

"La didattica a distanza non ha sostituito e non può sostituire il contatto umano”.

Il liceo Parini è pronto a riaccogliere i suoi studenti: si riparte il primo settembre
Altro Casatese, 16 Luglio 2020 ore 16:25

Il liceo Giuseppe Parini di Barzanò è pronto a riaccogliere i suoi studenti a partire dal prossimo 1° settembre.

LEGGI ANCHE: Nuova chiusura notturna del Ponte di Paderno

Al liceo Parini si riaprono le porte agli studenti

Durante il periodo di emergenza l’istituto ha dovuto fronteggiare l’emergenza Covid-19 e le sue implicazioni e, dopo quasi cinque mesi di didattica a distanza, i ragazzi del quinto anno sono tornati a scuola per svolgere l’esame di stato con una prova orale: i risultati sono  stati ottimi, con due eccellenze da cento, indice di una preparazione che, seppur a distanza, si è rivelata molto efficace. Fortunatamente, il liceo era già dotato degli strumenti informatici per la didattica online in presenza e a distanza regolarmente utilizzati da studenti e docenti, tutti dotati di device personali. La didattica a distanza ha insegnato a lavorare molto bene organizzando soprattutto le attività a piccoli gruppi favorendo la personalizzazione dell’insegnamento.

Un nuovo modo di stare a scuola

“Il 1 settembre – commenta la preside Maria Paola Calderara – riapriremo le porte della scuola e potremo rivedere, a distanza di sicurezza, tutti i nostri alunni: la didattica a distanza non ha sostituito e non può sostituire il contatto umano”.
Il Liceo Parini riapre quindi garantendo il distanziamento sociale con l’adozione di banchi singoli e dispositivi di protezione individuale per ogni alunno. I primi 4 giorni di settembre saranno dedicati all’accoglienza e alla formazione riguardo le norme di comportamento fissate dai decreti e saranno inoltre regolamentati gli ingressi e le uscite e i momenti di “socializzazione controllata” dei ragazzi. “Abbiamo la fortuna di disporre di tutto lo spazio necessario – ha aggiunto Franca Colombo, presidente della fondazione don Giuliano Sala – che oltre a consentirci di insegnare in presenza e a distanza, permetterà di riattivare tutte le iniziative sospese, quali ad esempio il Parini Mediaforum, il laboratorio di teatro ed i progetti multimediali a cui i nostri ragazzi sono molto affezionati.

3 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli