Come gestire il post quarantena

La Fase 3 dei nostri amici animali: va impostata una nuova quotidianità

I consigli dell'educatrice cinofila meratese Cecilia Sala.

La Fase 3 dei nostri amici animali: va impostata una nuova quotidianità
Meratese, 24 Giugno 2020 ore 11:24

Dopo il lungo periodo di quarantena anche i nostri amici animali sono potuti tornare alla normalità. Tuttavia, questo repentino cambiamento di abitudini può avere delle forti ripercussioni sui nostri amici a quattro zampe.

Gli amici animali e il post quarantena

Complice la riapertura di uffici e negozi ci siamo ritrovati catapultati nella vita di prima: numerosi impegni, faccende rimaste incompiute, visite ad amici e parenti e ritorno al lavoro. Tutti questi impegni ci hanno allontanati da casa, dove abbiamo passato nelle ultime settimane la quasi totalità delle ore della nostra giornata, e hanno fortemente limitato il tempo che trascorriamo con i nostri cani. Nel periodo del lock down siamo stati sempre in compagnia dei nostri amici, coccolandoli e –  in alcuni casi – anche viziandoli. «La routine che si era creata in quarantena è stata sconvolta – spiega l’educatrice cinofila meratese Cecilia Sala – Dobbiamo gestire sapientemente questa situazione per evitare che il nostro cane ne possa risentire in modo negativo; alcuni cani possono infatti soffrire di crisi di abbandono e non riuscire più a tollerare il fatto di stare da soli in casa: ululati, latrati, abbai, atteggiamenti distruttivi nei confronti del giardino e degli oggetti di casa, così come possibili atti di autolesionismo sono dei forti segnali di allarme».

Continuare a fare attività insieme è indispensabile

In questo periodo di transizione è buona norma che le abitudini prese durante la fase del lockdown non vengano subito accantonate. «Fare attività assieme è indispensabile in questo periodo, così come eravamo abituati a fare durante la quarantena – aggiunge Sala -. Ma è anche importante ricominciare a piccoli passi con le uscite. Non dobbiamo esagerare e strafare, ripartiamo con gradualità e stiamo sempre attenti ai segnali che il nostro cane ci può inviare nel corso delle passeggiate».

Attenzione particolare ai cuccioli

Un’attenzione particolare va riservata ai cuccioli e agli animali che hanno iniziato a vivere con noi a ridosso della quarantena. Per loro le uscite potrebbero rappresentare qualcosa di totalmente nuovo e potrebbero essere intimoriti da un’eccessiva dose di stimoli tutti insieme. «Impostare una nuova quotidianità è fondamentale – conclude l’addestratrice -. Bisogna imparare a scandire la giornata secondo delle abitudini e con degli orari precisi da seguire il più fedelmente possibile, alternando momenti di relax a passeggiate e momenti di gioco ed addestramento. I cani non andrebbero mai lasciati soli tutto il giorno e a maggior ragione in questo periodo. Si potrebbe valutare di affidarsi a servizi di dog-sitting diurni, scegliendo professionisti che possono svolgere il loro servizio a domicilio una o più volte al giorno a seconda delle nostre necessità, oppure portare il nostro cane presso strutture specializzate come gli asili per cani».

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia