Menu
Cerca
Lettere al giornale

Retesalute, i consiglieri del Meratese e Casatese votino contro la messa in liquidazione!

Di Salvatore Krassowski, consigliere comunale di Cernusco Lombardone 

Retesalute, i consiglieri del Meratese e Casatese votino contro la messa in liquidazione!
Lettere al giornale Meratese, 04 Aprile 2021 ore 09:00

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Salvatore Krassowski, consigliere comunale di Cernusco Lombardone, intervenuto con un comunicato sulla nota vicenda della cosiddetta “liquidazione in continuità” dell’azienda speciale Retesalute, che l’assemblea dei sindaci sarà chiamata a votare il 14 aprile (dopo il passaggio in tutti i Consigli comunali).

Spettabile redazione

Nei prossimi giorni i Consigli Comunali del meratese del casatese e dell’oggionese, in pratica i comuni soci di RETESALUTE, saranno chiamati ad esprimersi sulle sorti della stessa approvando o non approvando la proposta di scioglimento e messa in liquidazione continuando l’attività (??). Tale proposta appare a mio modesto parere un “pasticcio giuridico” che riflette un compromesso, forse è meglio definirlo uno stallo,causato da un conflitto politico che si trascina da diverso tempo tra il centro sinistra ( PD) e il centro destra ( LEGA e FORZA ITALIA). La posta in gioco è chi deve governare i servizi sociali nel nostro territorio con tutto quello che ne consegue in termini di benefici nel “sottobosco” della politica.
A quanto si apprende sembra che lo spettro della liquidazione coatta amministrativa (in altri termini una sorta di dichiarazione di fallimento) sia superato e i Comuni abbiano espresso a parole la volontà di ripianare il patrimonio netto negativo (debito) di circa tre milioni e settecento mila euro (coerenza vorrebbe che fossero subito approvati i bilanci 2018 e 2019), e di continuare ad erogare i servizi, perché altrimenti da soli non potrebbero riuscirci. Si apprende anche dai documenti contabili che RETESALUTE dal 2020 non produce perdite avendo riequilibrato la situazione economica.
Appare quindi incomprensibile la stessa proposta dei Sindaci di procedere con una delibera di scioglimento e messa in liquidazione VOLONTARIA. Se chiude RETESALUTE anche i servizi sociali corrono il serio pericolo di essere privatizzati, ottimo risultato dopo la privatizzazione di fatto della sanità nella nostra regione.
Rivolgo un appello a tutti i miei colleghi Consiglieri Comunali affinché votino contro la messa in liquidazione di RETESALUTE e che siano versate subito gli importi necessari per risanare la situazione patrimoniale e finanziaria. Solo cosi si può salvare RETESALUTE!
Salvatore Krassowski, consigliere comunale di Cernusco Lombardone 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli