Lecco Film Fest

Bellissime, il dramma di crescere e le baby modelle VIDEO

Nemmeno la pioggia ha scoraggiato i presenti sabato sera in piazza Garibaldi.

Bellissime, il dramma di crescere e le baby modelle VIDEO
Lecco e dintorni, 02 Agosto 2020 ore 10:25

Nemmeno la pioggia ha scoraggiato i presenti sabato sera in piazza Garibaldi. Nonostante un incipit sotto l’acqua il pubblico ha resistito ed ha potuto assistere alla proiezione di “Bellissime”, di Elisa Amoruso.

Bellissime, le baby modelle e il dramma di crescere

La regista, intervistata da Federico Pontiggia di Cinematografo , ha spiegato come è nato il documentario che racconta le vicende delle sorelle Goglino, tre ragazze spinte dalla madre a fare le baby modelle. “Il film nasce da un lavoro sul saggio di Flavia Piccinni dal titolo Bellissime, che parla di queste ragazzine spronate a percorrere la carriera della moda fin dall’età di 4-5 anni – racconta la regista Elisa Amoruso – l’ultimo capitolo era dedicato a Giovanna Goglino balzata agli onori della cronaca come testimonial di Barbie in Italia e in Europa. La sua storia ci ha colpito moltissimo. Abbiamo approfondito ed abbiamo realizzato che lei era la più famosa, ma anche le sue sorelle Francesca e Valentina erano state avviate dalla madre alla carriera di baby modelle”. Giovanna è stata testimonial di Barbie in Italia  ed in Europa, fino a quando è cresciuta “troppo per fare la baby modella e troppo poco per fare la modella”.
Lo stesso destino è capitato alle due sorelle ed oggi le tre ragazze sostengono casting e provini con alterna fortuna. Dietro a muovere entusiasticamente i fili la madre oggi cinquantottenne, a sua volta protagonista di sfilate “over” e atleta di poledance.
Il documentario che unisce immagini di repertorio a nuovo girato lascia molti interrogativi ai presenti, sui reali desideri delle ragazze, sul ruolo della madre, sul modo in cui l’apparire sia determinante per l’essere.

Chiara Ratti

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia