Cronaca
CONCLUSA LA PRIMA FASE DELLE INDAGINI

Treno deragliato: indagati macchinista e capotreno

A ricevere le notifiche del tribunale sono stati il macchinista e il capotreno che avevano lasciato sui binari della stazione di Paderno-Robbiate il convoglio che poi è stato fatto deragliare circa mezz’ora dopo nella stazione di Carnate.

Treno deragliato: indagati macchinista e capotreno
Cronaca Meratese, 21 Settembre 2020 ore 12:35

Treno deragliato: indagati macchinista e capotreno. La Procura di Monza infatti ha inviato un avviso di garanzia al macchinista e al capotreno che avevano lasciato il treno abbandonato che è successivamente deragliato a Carnate.

Treno deragliato: indagati macchinista e capotreno

Si chiude con due avvisi di garanzia la prima fase di indagini sul treno deragliato a Carnate: a ricevere le notifiche del tribunale sono stati il macchinista e il capotreno che avevano lasciato sui binari della stazione di Paderno-Robbiate il convoglio che poi è stato fatto deragliare circa mezz’ora dopo nella stazione di Carnate.

LEGGI ANCHE Incidente ferroviario a Carnate il macchinista e il capotreno erano al bar a mangiare un panino

Dopo l’incidente dello scorso 19 agosto molte erano le domande che gli inquirenti, ma anche i semplici cittadini, si fecero su come fosse stato possibile che un treno si fosse mosso da solo da una stazione e fosse deragliato a 7 chilometri di distanza: dopo le indagini portate avanti dalla Polfer di Milano che ha analizzato la scatola nera del treno e sentito tutte le testimonianze del caso, la Procura di Monza ha formalmente indagato i due dipendenti di Trenord con due avvisi di garanzia: una decisione presa dal procuratore Claudio Gittardi e dal pm Michele Trianni.

Il focus sulla procedura di parcheggio

Secondo la Procura, come riportano i colleghi di primamonza.it la procedura di parking non era stata fatta correttamente e il macchinista avrebbe dovuto inserire i freni, consentendo lo stazionamento, altrimenti non avrebbe potuto allontanarsi dal mezzo, come invece è stato fatto. La Procura ha infatti stabilito che quella mattina questa procedura non era stata eseguita e che i due si erano allontanati per andare a bere un caffè al vicino bar posto in centro paese.

Necrologie